Emangiomi Infantili: cosa sono, quali sono le cause e i rimedi

emangiomi infantili

Gli emangiomi infantili non sono altro che dei tumori vascolari benigni, molto frequenti nei bambini.

Si manifestano attraverso una macchiolina rossa che si espande in maniera rapida e che compare in genere dopo poche settimane di vita. Anche se possono comparire in qualsiasi zona del corpo, in genere sono localizzati sulla testa e sul collo. Gli emangiomi infantili seguono un iter piuttosto standard: sono caratterizzati da una rapida crescita iniziale cui segue un periodo di stabilizzazione per terminare poi con una lenta regressione.

Quali sono le cause degli emangiomi infantili?

Non appaiono chiare le cause degli emangiomi infantili. Numerosi sono gli studi condotti a tal proposito: alcuni hanno individuato quale causa una carenza d’ossigeno che il piccolo subisce nella fase della gestazione.

L’ipossia, termine tecnico per indicare la carenza d’ossigeno, consentirebbe ad alcuni geni di attivarsi, comportando così la crescita del tumore. Quali possibili cause degli emangiomi infantili sono stati indicati anche lo sviluppo non completo dei vasi sanguigni e la villocentesi.

I fattori di rischio per lo sviluppo di tale forma tumorale sono il basso peso al momento della nascita, le gestazioni multiple nonché il sesso femminile.

Quali sono i trattamenti farmacologici

Nel caso in cui compaiono delle macchie sulla pelle del neonato, è bene rivolgersi ad un pediatra affinché le esamini con la dovuta attenzione.

Per diagnosticare un emangioma infantile è sufficiente osservare esternamente la macchiolina.

In alcuni casi però potrebbe rendersi necessario il ricorso ad esami specifici e approfonditi.

Gli emangiomi infantili benigni non necessitano di cure particolari dal momento che regrediscono in maniera assolutamente spontanea con la crescita.

LEGGI ANCHE:  Antea ONLUS: assistenza a domicilio e hospice di eccellenza a Roma

Talvolta però si rende necessario seguire una terapia specifica. In passato venivano somministrati farmaci a base di cortisonici, allo scopo di ostacolare la proliferazione e favorire così la regressione: ciò però esponeva il paziente ad effetti collaterali.

Recentemente è stata fatta un’importante scoperta con l’introduzione del PROPRANOLOLO 3.75mg/ml soluzione orale.

Si tratta di un beta-bloccante molto efficace in quanto blocca la crescita degli emangiomi. Gli effetti di tale farmaco sono visibili già a distanza di 48 ore dalla prima somministrazione: il colore dell’emangioma diviene subito più pallido e le dimensioni si riducono tempestivamente. La terapia ha, in genere, una durata di almeno 6 mesi, ma in genere si prosegue per un tempo maggiore per evitare il rischio di recidive.

Cura chirurgica

Oltre alla cura farmacologica, è possibile anche intervenire chirurgicamente. Si ricorre a tale opzione nel caso in cui i medicinali non producono gli effetti desiderati e nel caso in cui si può ottenere un ottimo risultato estetico attraverso la chirurgia.

Spesso capita che gli emangiomi creino dei problemi ai bambini da un punto di vista psicologico.

La medicina offre dei trattamenti in grado di ovviare al problema come il laser che blocca l’accrescimento ed aiuta ad asportarli o a curare eventuali piaghe che restano sul corpo del piccolo.

In ogni caso è opportuno chiedere il consulto del medico curante che indicherà la soluzione migliore in relazione al caso concreto.

Articoli correlati

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.