Intervista a Ottico Cavallaro, centro di ottica e optometria

57

Come scegliere gli occhiali da vista perfetti, la montatura che ci valorizzi, con un ottimo comfort visivo, tutelando la salute dei nostri occhi, per saperne di più lo abbiamo chiesto a un professionista del settore Federico Cavallaro, ottico optometrista, punto di riferimento a Padova con il suo Centro Ottico Cavallaro.

cavallaro centro ottica

Come descriverebbe la sua professione?

La definirei una professione in continua evoluzione perché essendo ausiliaria ad una professione medica necessita di continui corsi di aggiornamento ed approfondimento, ma ciò che prediligo è che si tratta di una professione poliedrica: il rapporto umano e l’empatia con il cliente che si crea nella scelta della montatura e delle lenti, si fonde con l’aspetto più scientifico che emerge in sala refrazione durante la valutazione optometrica, e si completa nel montaggio dell’occhiale che viene effettuato nel mio laboratorio interno.

Partecipa a molte fiere del settore per rimanere aggiornato con i trend e le ultime novità soprattutto nelle nuove tipologie di lenti che offre il mercato?

Visitare fiere del settore è molto importante perché gli occhiali stanno divenendo sempre più un accessorio di moda che completano il look e conoscere le novità riguardanti tendenze, forme, colori, materiali… mi aiutano a consigliare l’occhiale più adatto al volto del cliente.

Per quanto riguarda invece le lenti oftalmiche, frequento assiduamente dei corsi che si svolgono con cadenze mensili perché la tecnologia inerente alla costruzione delle lenti è in continua evoluzione per poter soddisfare ogni tipo di esigenza visiva: negli ultimi anni ad esempio abbiamo assistito ad un vero e proprio boom di lenti progressive e degressive (occupazionali) per conformarsi a nuovi stili di vita, sempre più dinamici.

Ci racconti da dove nasce Ottica Cavallaro, negli anni come è riuscito a differenziarsi rispetto alla concorrenza? Qual é la “filosofia” Cavallaro?

Il mio centro ottico nasce ormai 15 anni fa, dopo aver frequentato una scuola di ottica ed optometria dopo aver lavorato per alcuni anni in un importante negozio di Padova, ho deciso di iniziare una nuova avventura con un negozio tutto mio ove mettere al centro il cliente e le sue esigenze.

Perché un occhiale riesca al meglio bisogna innanzitutto ascoltare:

  • le abitudini,
  • la tipologia di lavoro svolto,
  • le esigenze,
  • il desiderio di indossare un occhiale o, viceversa, la contrarietà a farlo…

tutto ciò offre indicazioni indispensabili nella scelta della lente più idonea.

La mia filosofia si riassume nella devozione per questo lavoro che a sua volta si traduce in risultati: l’obiettivo è far vedere nel miglior modo possibile.

Perché l’acquisto online non potrà mai eguagliare l’esperienza ed il servizio che si ha presso un centro ottico qualificato come il suo?

Dobbiamo comprendere e far comprendere che gli occhiali sono dispositivi medici.

Gli occhiali non sono delle semplici montature ma sono correlate di lenti che, per offrire una visione ottimale, vanno centrate e “costruite” sulla persona.

Valutare la postura della persona, l’inclinazione dell’occhiale scelto, la sua ampiezza quando c’è astigmatismo, l’altezza della lente quando si fa un occhiale progressivo…non sono dettagli!

Per la buona riuscita dell’occhiale il montaggio deve essere eseguito con grande precisione, anche solo un millimetro nella centratura compromette la qualità della visione.

Che tipologia di materiali e stili stanno andando per la maggiore nel settore?

Il mondo dell’ottica si rivolge ad un pubblico vastissimo e proprio per questo il mercato offre soluzioni variegate: sono sempre più ad esempio le aziende che investono nella ricerca di materiali tecnici, flessibili, leggeri, atossici come alluminio, spx e titanio medicale.

La moda occhiale del momento propone un ritorno alle forme degli anni 70, grandi montature in metallo color oro ed in generale linee arrotondate, ma non mancano montature più strong, molto più vistose per chi desidera farsi notare.

Occhiali in legno, cosa ne pensa?

Sono andati di moda qualche tempo fa ed hanno indubbiamente rappresentato un’idea originale ed innovativa, ma, da un punto di vista tecnico evidenziavano dei nei: il legno è un materiale poco duttile e fragile agli urti.

Un occhiale in legno risulta inoltre difficilmente regolabile contrariamente alla celluloide od al titanio.

Occhiali e sopracciglia: quando si sceglie un occhiale, la forma delle sopracciglia è da tenere in considerazione o no per la scelta della montatura?

Certamente si, come tutte le altre caratteristiche del volto!

Dopo tanti anni di esperienza per me è abbastanza semplice, vedendo un viso intuire quale occhiale proporre.

Da un punto di vista tecnico è importante sapere che ciglia e sopracciglia non devono toccare le lenti perché rischiano di rovinare il trattamento antiriflesso!

Quanto conta l’assistenza nel mondo dell’ottica?

ottico cavallaro

L’assistenza è una parte integrante di questo lavoro perché gli occhiali necessitano di continue regolazioni e spesso di riparazioni.

Avere all’interno del mio negozio un laboratorio è un valore aggiunto perché permette di accelerare i tempi consentendo al cliente di risolvere il problema nell’immediato senza dover rimanere sprovvisto dei suoi occhiali.

Questa è senza dubbio una tra le differenze più importanti rispetto alle grandi catene.

 

Che messaggio vuole dare ai suoi clienti?

Vorrei far comprendere due cose:

  1. quanto la professionalità e la precisione incida nella visione
  2. quanto il rapporto di fiducia instaurato tra ottico e cliente sia importante al giorno d’oggi

Tutti aspetti che nella vendita online e nella grande distribuzione vengono tralasciati.

Ringraziamo Federico Cavallaro, Ottico Optometrista, per questa chiacchierata ospitata nel nostro magazine e non possiamo fare altro che invitarvi a visitare il negozio di Ottica Cavallaro!

I commenti sono chiusi.