Stare seduti fa invecchiare prima

stare seduti fa invecchiare

Stare seduti fa invecchiare prima. Questo è il risultato dello studio effettuato dalla University of California – San Diego School of Medicine, il quale ha dimostrato che le donne che stanno su una sedia o in poltrona per più di 10 ore, facendo anche poco esercizio, hanno cellule biologicamente più vecchie rispetto alle coetanee meno sedentarie.

Lo studio della University of California

Il campione di sesso femminile preso in considerazione per la pubblicazione scientifica della università americana è di circa 1500 persone, tra i 64 e i 95 anni.

Le partecipanti indossato un accelerometro sul fianco destro per sette giorni consecutivi durante le ore di veglia e di sonno per monitorare i movimenti. Per raccontare i loro stili di vita hanno risposto a questionari sulle loro abitudini.

Dai dati dello studio è emerso – ancora una volta – quanto il movimento sia essenziale per una vita sana e per invecchiare bene.

Dai risultati si evince che le donne anziane che facevano meno di 40 minuti al giorno di attività fisica avevano dei telomeri più corti.

I telomeri sono strutture che, come dei cappucci, proteggono le estremità dei cromosomi; alla nascita hanno una certa lunghezza che si va progressivamente riducendo con l’età. La loro lunghezza viene utilizzata per misurare il processo di invecchiamento biologico dell’organismo.

Ciascuno di noi, infatti, ha un’età biologica anche molto diversa da quella anagrafica.

La velocità del processo di invecchiamento dipende infatti da molti fattori genetici e ambientali e affermare che il tempo non scorre allo stesso modo per tutti è corretto non solo quando si valuta l’aspetto esteriore.

LEGGI ANCHE:  La regola del tre salva il cuore e si vive di più

Quanta attività fisica è necessario fare?

Secondo gli esperti per fare pace con la coscienza e con la propria salute non è sufficiente andare in palestra due volte a settimana.

Fare un paio d’ore di fitness ogni  settimana non risulta infatti sufficiente a pareggiare le giornate passate in ufficio o a sopperire alla mancanza di movimento dovuto alla vita sedentaria durante il giorno.

Gli studiosi rimarcano infatti che è necessario andare in palestra, avere uno stile di vita sano e camminare spesso. Il tempo libero, dovrebbe essere impiegato anche in lunghe passeggiate per spostarsi verso un museo, o per fare shopping. Una buona abitudine, dove possibile, è anche quella di andare a lavoro in bicicletta o a piedi.

Un altro studio indica anche che bastano tre minuti di attività fisica leggera, ogni trenta minuti seduti, per migliorare il proprio profilo metabolico. Ovviamente non è come fare attività sportiva costante e prolungata, ma è meglio di niente.

Anche perché tre minuti di attività ogni trenta, moltiplicati per otto ore di ufficio, fanno più di tre quarti d’ora giornalieri, e non è per niente male per iniziare o per completare la nostra lotta contro la sedentarietà.

Articoli correlati

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.