La morning routine di Annalisa

morning routine annalisa

Alla veneranda età di 49 anni mi rendo conto che la mia morning routine non è, e non può essere, uguale a quella di una pischella come mia cugina Marta (della cui morning routine vi consiglio la lettura).

Se quindi siete delle magnifiche “tardone” come me, questo articolo fa al caso vostro.

Premessa doverosa: io ho una pelle normale/secca. Non ho imperfezioni dovute a brufoli, mi sono comparse un paio di macchiette solari, nulla di trascendentale, ed ho un contorno occhi secco e segnato.

Iniziamo la morning routine: per prima cosa mi lavo il viso. Sembra un passaggio banale, ma è fondamentale a tutte le età e serve per togliere tutte le cellule morte e i residui delle creme messe la sera prima.

Attualmente ho in uso un detergente di Bottega Verde alla rosa mosqueta, prodotto dall’inci molto discutibile:

aqua, glycerin, decyl glucoside, cocamidopropyl betaine, acrylates/c10-30 alkyl acrylate crosspolymer, rosa moschata seed oil, sodium chloride, ppg-26-buteth-26, c12-13 alkyl lactate, peg-40 hydrogenated castor oil, sodium hydroxymethylglycinate, disodium edta, caprylic/capric triglyceride, parfum, sodium hydroxide, diethylhexyl syringylidene malonate, propylene glycol, ci 17200, ci 14700, ci 19140.

Fa il suo dovere, non è schiumogeno né aggressivo sulla pelle. Se non siete talebane dell’inci perfetto, per il prezzo molto contenuto (17,99, ma quasi sempre in offerta), lo consiglio.

Subito dopo il tonico. E apriamo un dibattito. Il tonico è qualcosa che quasi nessuno usa, ma che è importantissimo. Soprattutto per chi, come me, vive in una città con acqua ricca di calcare. Il tonico serve a riequilibrare il PH della pelle ed anche a lenire i rossori o pruriti dovuti a pelle molto sensibile.

In questo momento sto utilizzando il tonico alla rosa mosqueta de “i provenzali bio” (4€ circa)

aqua; rosa damascena flower water*; erythritol; hordeum vulgare stem water*; betaine; rosa moschata leaf extract*; glycerin**; biosaccharide gum-1**; sodium phytate; sodium levulinate**; citric acid**; glyceryl caprylate**;potassium sorbate**; sodium benzoate**;sodium anisate**; sodium dehydroacetate

*Materie prime biologiche certificate **Materie prime di origine naturale (informazioni prese dal sito http://forum.saicosatispalmi.org che vi consiglio caldamente di visitare)

Fatti questi passaggi doverosi, comincia la vera e propria skin care routine che, ovviamente, cambia a seconda della stagione.

Nella stagione calda (quindi a Roma nella primavera/estate/autunno), io preferisco i sieri. In realtà il siero è qualcosa che utilizzo anche d’inverno prima delle creme, ma d’estate li uso in esclusiva, in quanto la mia pelle rigetta qualunque altra cosa.

Chi ha la mia età, o giù di lì, noterà che la pelle si fa sempre un pochino più spenta, più ingrigita.

È per questo che mi sono “convertita” alla vitamina C. Il cambiamento è stato immediato. Non essendo esperta, per prima cosa ho usato un mix formato dal siero di phytorelax mutivitaminico (14,50€)

Aqua/Water/Eau, Isoamyl laurate, Dicaprylyl carbonate, Glycerin, Cetearyl alcohol, Cetyl alcohol, Glyceryl stearate citrate, Silica, Glyceryl stearate, Citrus aurantium dulcis (Orange) juice, Citrus medica limonum (Lemon) juice, Daucus carota sativa root juice [Daucus carota (Carrot) sativa juice], Sodium hyaluronate, Orbignya oleifera seed oil, Cetyl palmitate, Cocoglycerides, Dunaliella salina extract, Tocopherol, Ethyl ascorbic acid, Beta-carotene, Daucus carota (Carrot) sativa root extract, Mica, Helianthus annuus (Sunflower) seed oil, Titanium dioxide, Glyceryl caprylate, Helianthus annuus (Sunflower) seed oil unsaponifiables, Glycine soja (Soybean) oil, Glycine soja (Soybean) oil unsaponifiables, Phenoxyethanol, Xanthan gum, Parfum [Fragrance], Benzoic acid, Dehydroacetic acid, Sodium phytate, Limonene, Sodium hydroxide, Linalool, Butylphenyl methylpropional, Ethylhexylglycerin, Citric acid, Alpha-isomethyl ionone, Geraniol, Potassium sorbate, Sodium benzoate, Benzyl salicylate.

e dal booster alla vitamina C di sephora (di cui non ho l’inci.. ma meglio sorvolare..)

Sinceramente la differenza me l’hanno fatta notare subito gli altri.

La parrucchiera dove vado mi ha chiesto se avessi fatto qualche punturina al viso, perché era diventata luminosa e più compatta. E molte persone, non amiche, mi hanno detto la stessa cosa. Ergo, funziona.

Considerando che non avevo preso prodotti che contenessero chissà quanto principio attivo, ho deciso di acquistarne uno su amazon della All Natural Advice con Siero alla vitamina C 20%. Non l’ho ancora testato, vi farò sapere.

Dato, però, che la vitamina C è fotosensibilizzante, d’estate la utilizzerò solo di sera.

Come contorno occhi sto utilizzando al momento, con grande soddisfazione, il Botox-like eye contour della Veg-up, 98.7% origine naturale / 6% organico: (39 €)

Zafferano – antiossidante forte, depigmentante, tonificante; Esapeptide boto-simile – liftante-elasticizzante;
Microalghe – liftante- stirante; Pullulan – rimpolpante, antiage; Polisaccaride di plancton – stirante, distensivo; Estratto di Verbasco – illuminante, lucente; Acido Jaluronico basso PM – idratante, volumizzante
Olio di Jojoba – emolliente, antiossidante; Bisabololo; Zemea; Glicerina Vegetale – idratante; Succo di Aloe Vera Biologico – idratante, antiage
Aqua, Aloe Barbadensis Leaf Juice (*), Glycerin, Propanediol, Propylheptyl Caprylate, Cetearyl Alcohol, Cetearyl Glucoside, Glyceryl Stearate, Oryza Sativa Starch, Simmondsia Chinensis Oil (*), Crocus Sativus Stigma Extract, Hydrolyzed Verbascum Thapsus Flower, Bisabolol, Palmitoyl Hexapeptide-19, Hydrolyzed Hyaluronic Acid, Ubiquinone, Alteromonas Ferment Extract, Nannochloropsis Oculata Extract, Pullulan, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Lecithin, Benzyl Alcohol, Xanthan Gum, Phytic Acid, Ethylhexylglycerin, Hydroxyethylcellulose, Parfum, Citric Acid, Phenethyl Alcohol, Amyl Cinnamal, Sodium Benzoate, Linalool, Cinnamyl Alcohol, Benzyl Benzoate, Potassium Sorbate, Geraniol, D-Limonene.
(preso da http://www.naturalmentebuoniebelli.com)

Che sia chiaro: le rughe se ce le hai, te le tieni. A meno di fare filler o chirurgia estetica, NON ESISTE NULLA che spiani le rughe, ma esistono prodotti che aiutano a idratare e a minimizzare le rughette. E questo ha anche un leggero effetto liftante su contorno occhi e palpebra. Ma lo voglio testare ancora per bene.

Direi che più o meno è quanto faccio in questo periodo, che è molto più di quanto facessi solo un anno fa.

Articoli correlati

Leave a Comment