Purophi – exfoliating serum

purophi exfoliating serum

Prodotto bio dall’inci ottimo, contiene infatti: acido mandelico, bioliquefatto da bucce di mela, bioliquefatto da bucce di limone, bioliquefatto di crusca di grano*, bioliquefatto da bucce d’uva rossa*, acido tartarico, acido citrico, aloe succo*. Detergenti di origine vegetale.

Ho conosciuto Purophi come avviene ultimamente, ormai, cioè tramite youtube. Incuriosita non tanto dall’entusiastica presentazione (tendo a diffidare molto da prodotti che vengono “regalati”) ma quanto dalla differenza che si poteva notare sul viso della youtuber immediatamente dalla prima applicazione.

Si tratta di un trattamento esfoliante, appunto, privo però di microgranuli. E’, infatti, un esfoliante di tipo enzimatico che agisce, cioè, direttamente sulla pelle con acidi mirati. In questo caso l’acido mandelico che è un antibatterico e antibiotico naturale e che aiuta a schiarire e ad illuminare la pelle. Adatto, quindi, a persone con pelle impura o pelle matura.. come nel mio caso.

Il costo di Purophi non è esattamente dei più economici, parliamo di 36 euro, ma li vale tutti. Fino all’ultima pushatina.

La differenza sulla pelle la si nota sin dalla primissima applicazione: la pelle risulta morbida come il classico “culetto di bambino” e il viso risulta veramente più luminoso. Sulle macchie, onestamente, non ho visto alcun risultato. Si applica su pelle detersa e asciutta, si massaggia su tutto il viso, anche il collo volendo, e lo si lascia agire da un minimo di un minuto al massimo di cinque a seconda dell’impurità della pelle, insistendo sulla zona T.

Si risciacqua con sola acqua tiepida e poi si procede con il tonico e le creme abituali. A chi consiglio Purophi? A chiunque ami esfoliare il viso, a chi soffre di pelle impura e alle donne di una certa età, come me. La differenza c’è e si vede.

Adesso sto puntando altri prodotti della gamma, ne parleremo presto.

Articoli correlati

Leave a Comment